Automazione flessibile del magazzino: perché è importante e come pianificarla

All’interno di un panorama industriale caratterizzato da esigenze mutevoli e cambiamenti rapidi, è importante che la produzione riesca ad adattarsi a nuove realtà produttive. Per tale motivo è essenziale rendere il magazzino flessibile e capace di sostenere ampliamenti e modifiche.

Gli obiettivi principali di tale implementazione sono: migliorare l’efficienza, la precisione e la velocità delle operazioni logistiche, consentendo quindi alle aziende di gestire al meglio l’inventario e la logistica e di risparmiare tempo e risorse. 

L’automazione industriale flessibile impiega diverse tecnologie, tra cui:

  • Sistemi di gestione dell’inventario automatizzati,
  • Sistemi di picking e imballaggio automatizzati, 
  • Veicoli autonomi per il movimento delle merci, 
  • Robot collaborativi per la movimentazione dei materiali.

Integrarle nei processi aziendali consente di adattarsi alle variazioni della richiesta e dei volumi di lavoro, ad esempio scalando rapidamente le operazioni durante periodi di alta domanda o ridimensionando l’attività durante periodi di bassa attività, senza interrompere né fermare la linea produttiva. 

In questo articolo analizziamo nel dettaglio perché è importante rendere il magazzino flessibile impiegando l’automazione e come pianificarne l’implementazione.

Magazzino flessibile automatico

L’importanza di un automazione di magazzino flessibile

Il mercato attuale si muove su tendenze di consumo in continua evoluzione. I classici magazzini “rigidi”, con configurazioni statiche e predefinite, risultano incapaci di far fronte ai cambiamenti di domanda o di volumi di produzione. 

Le soluzioni intralogistiche che combinano automazione e flessibilità permettono invece di adattare e modificare in modo dinamico e strategico le operazioni di gestione del magazzino per rispondere a variazioni di scorte, produzione e mercato. 

Tutto ciò rende infatti possibile regolare la capacità di stoccaggio e la velocità di movimentazione dei prodotti in base a mutevoli esigenze e consente di evitare il sovraccarico o il sottoutilizzo delle risorse, mantenendo un livello di servizio elevato.

Automatizzare il magazzino facilita inoltre l’implementazione di nuovi layout, la riconfigurazione delle linee di produzione e l’adozione di nuovi processi, senza dover apportare modifiche significative e senza dover sostenere costi di riconversione. 

Tale flessibilità si basa sui seguenti concetti:

  • Modularità: moduli o componenti autonomi che possono essere facilmente aggiunti, rimossi o riorganizzati per adattarsi ai cambiamenti nelle attività o nelle operazioni. 
  • Programmabilità: la programmazione degli impianti consente la personalizzazione di comportamenti e funzioni. 
  • Integrazione dei dati: i dati, provenienti da diverse fonti, vengono raccolti ed elaborati per ottimizzare le prestazioni.
  • Interoperabilità: i sistemi automatizzati comunicano e collaborano tra loro in modo fluido e sinergico.

Un magazzino flessibile garantisce così diversi vantaggi, tra cui:

  • Aumento dell’efficienza e ottimizzazione delle operazioni,
  • Elasticità e adattabilità alle richieste del mercato,
  • Riduzione degli errori.

sistema flessibile miniload

L’automazione flessibile grazie a trasloelevatori e miniload

Come detto finora l’automazione flessibile di magazzino è un concetto chiave nel settore logistico moderno. Nello specifico i trasloelevatori e i miniload rappresentano due soluzioni di automazione che giocano un ruolo centrale in questo contesto. 

I trasloelevatori sono macchine capaci di movimentare carichi pesanti in modo rapido ed efficiente, garantendo una gestione ottimizzata dello spazio. I miniload, invece, sono sistemi compatti e altamente automatizzati che consentono lo stoccaggio e il recupero automatizzato di prodotti in contenitori o cassette. 

Grazie a queste tecnologie è possibile migliorare l’efficienza operativa, ridurre gli errori e gestire in modo ottimale le scorte. La flessibilità di questi sistemi automatizzati è fondamentale per adattarsi alle mutevoli esigenze del magazzino, garantendo un flusso di lavoro ottimizzato e una gestione intelligente degli spazi.

 

Come progettare l’automazione flessibile del magazzino

Occuparsi della pianificazione di un magazzino, rendendolo flessibile e reattivo ai cambiamenti, significa tenere in considerazione diversi aspetti:

  • Adattamento alle variazioni della domanda, rivedendo flussi e operazioni e prendendo anticipatamente in considerazione eventuali ampliamenti (ad esempio, nuove linee di produzione o incrementando la capacità di stoccaggio);
  • Ottimizzazione delle operazioni, con l’obiettivo di massimizzare l’efficienza complessiva del magazzino;
  • Gestione degli imprevisti (ad esempio anomalie o guasti);
  • Gestione delle priorità;
  • Integrazione con sistemi aziendali, integrando il WMS che gestisce magazzino automatico/semi automatico o manuale con altri sistemi aziendali, come l’ERP;
  • Monitoraggio e analisi delle prestazioni, per poter individuare aree di miglioramento;
  • Programmazione della manutenzione

Tutti questi elementi rientrano nella fase di sviluppo dell’automazione dei magazzini industriali, che viene realizzata elaborando uno studio di fattibilità. Tale analisi riassume le richieste e le necessità dei clienti, oltre alle caratteristiche tecniche del magazzino. Vengono presi in considerazione anche fattori come le prospettive di crescita aziendale, le necessità del prodotto, le caratteristiche di stoccaggio, i cicli di lavoro, il numero di mezzi automatici e il personale che lavora nell’installazione.

Partendo dallo studio di fattibilità si progettano quindi le soluzioni di automazione flessibile della logistica del magazzino che meglio si adattano agli specifici processi aziendali. Considerando esigenze e richieste, LCS Group definisce soluzioni idonee e performanti che permettono ai clienti di affrontare con serenità e facilità i cambiamenti produttivi.

LCS Group: l’automazione flessibile del magazzino su misura del cliente

Da oltre 30 anni, LCS Group offre soluzioni complete per l’intralogistica e l’automazione industriale. I nostri impianti e software vengono sempre realizzati su misura: vogliamo infatti fornire ai clienti un’automazione intelligente facilmente personalizzabile e modificabile, in grado di affrontare le sfide di un ambiente di lavoro dinamico e sempre in evoluzione.

In ogni progetto partiamo dalle necessità dei nostri clienti, dai loro impianti e dalla loro produzione; ci confrontiamo costantemente con loro in ogni fase, dalla definizione del layout all’implementazione, per assicurarci che ogni soluzione che proponiamo porti un vero vantaggio aggiunto alla produttività e all’operatività aziendale. La nostra automazione flessibile del magazzino segue diverse fasi:

  • Valutazione delle esigenze aziendali,
  • Analisi dei dati e studio di fattibilità,
  • Definizione del progetto e del layout, che deve essere approvato dal cliente,
  • Implementazione delle parti hardware e software,
  • Installazione commissioning,
  • Startup dell’impianto,
  • Assistenza post-vendita e manutenzione.

Aiutiamo così i nostri clienti a rendere il magazzino più adattabile e a migliorarne l’efficienza: contattaci per avere maggiori informazioni.

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google

Lascia un commento

15 + uno =