Come avviene l’automatizzazione di un magazzino. I 5 passi fondamentali

Come abbiamo avuto modo di sottolineare, i vantaggi di un magazzino automatico, rispetto ad uno manuale, sono considerevoli: 

  • Maggior produttività,
  • Maggior qualità del servizio, con consegne più rapide e complete,
  • Minor rischio di errori, sia dal punto di vista della gestione che nella movimentazione delle merci,
  • Riduzione dei costi, grazie a un più razionale sfruttamento degli spazi e delle superfici, e taglio delle spese superflue grazie al software gestionale,
  • Maggior sicurezza sia per i lavoratori che per gli stock.

Che cosa significa, in sostanza, magazzino automatizzato? Si tratta di un impianto in cui la movimentazione degli articoli è resa possibile dalla perfetta e funzionale integrazione dei diversi procedimenti: tradizionali, automatici e digitali. L’automazione del magazzino consiste, appunto, nel rendere automatici i flussi delle merci gestite o stoccate attraverso un sistema integrato di apparecchiature tecnologiche e software gestionale (WMS).

La logistica interna, in altre parole, anziché essere affidata a procedimenti manuali, risulta completamente (o parzialmente) automatizzata; i diversi processi di movimentazione vengono gestiti da un apposito programma che consente di visualizzare e organizzare le operazioni in tempo reale, anche da remoto, attraverso tutti i device collegati.

Scegliere di passare da un magazzino manuale ad uno automatico, dunque, consente nella maggior parte dei casi di ottenere una serie di vantaggi in termini di produttività, rapidità e sicurezza. Ma come avviene, nello specifico, il processo di automazione del magazzino

Il Gruppo LCS è specializzato nel rendere questo passaggio quanto più fluido e funzionale. Vediamo come.

 

Logistica automatizzata

Ascolto attivo delle necessità del cliente

La prima cosa che facciamo, quando ci dedichiamo a un progetto, è ascoltare i bisogni e le necessità del cliente. Avere ben chiare le esigenze del cliente è basilare e non si può procedere alle analisi successive senza tenerne conto. In particolare, è necessario prendere in considerazione:

  • La complessità dei prodotti, ovvero se si tratta di articoli voluminosi, fragili, surgelati, frigo, eccetera; 
  • La numerosità, la velocità e la modalità di rotazione dei codici
  • Le tendenze future in termini di richiesta di mercato e di aumento delle referenze da gestire; 
  • Le tempistiche di risposta al cliente; 
  • La tipologia di rete distributiva
  • I livelli di scorta previsti.

L’analisi di questi parametri consente di renderci conto se un’eventuale automatizzazione delle operazioni di magazzino aiuti – e in quali termini – a migliorarne la gestione, sia dal punto di vista operativo che economico. Infatti, le configurazioni che un magazzino può assumere sono pressoché infinite, a seconda delle necessità: perciò il grado di automazione può essere impostato ad hoc e risultare più o meno elevato.

Analisi dei dati e studio della fattibilità del progetto

Una volta raccolti i dati sui bisogni del cliente e sulle sue necessità, passeremo ad analizzare i dati del magazzino al momento corrente, e a studiare la progettualità dell’intervento. 

Generalmente, i nostri agenti commerciali eseguono un sopralluogo e incontrano il cliente per parlare più nello specifico delle sue esigenze e per capire la fattibilità del progetto, anche in base alle possibilità fisiche degli stabilimenti esistenti o dei terreni di proprietà che saranno coinvolti nel processo di automatizzazione del magazzino (progetti green field). 

Questa fase di consulenza è essenziale per iniziare il nuovo progetto e poterlo dettagliare nel modo più puntuale possibile. In questo modo saremo in grado di determinare il budget e gli investimenti necessari.

Esecuzione del progetto

Una volta constatata la fattibilità e opportunità del progetto, possiamo iniziare a elaborare il layout del magazzino o del sistema di movimentazione materiali, a seconda delle richieste del cliente. 

Essendo noi system integrator, interpelliamo nostri fornitori di fiducia che procureranno le parti meccaniche dell’impianto, mentre a noi competono le parti software ed elettriche. L’arco di tempo che intercorre dalla fase di ideazione alla fase di realizzazione del progetto, dipenderà poi dalla complessità dell’intervento da effettuare.

Installazione, Training agli operatori e Start-up

Il progetto approvato viene, a questo punto, realizzato ed installato, in accordo con quanto stabilito nell’analisi precedentemente svolta. Ci occupiamo inoltre di fornire il training agli operatori che lavoreranno sulle macchine per spiegarne il corretto funzionamento e gestione, come comportarsi in caso di guasto o di anomalia, ecc. Infine, si procederà con lo start-up, cioè la messa in funzione vera e propria delle macchine o del sistema di handling all’interno del magazzino.

Assistenza post-vendita e Manutenzione 

In seguito allo start-up, continuiamo ad affiancare il cliente con i nostri servizi post-vendita. Nello specifico, in base alla tipologia del contratto stipulato, ci occupiamo della manutenzione preventiva e periodica dell’impianto, e offriamo il servizio di assistenza 24/7 da remoto, che assicura risposte in tempo reale a qualsivoglia tipo di richiesta di supporto tecnico. 

Le soluzioni di LCS per l’automazione

Stai valutando l’opportunità di rendere automatico il tuo magazzino? Con il supporto dei nostri esperti avrai la possibilità di individuare, progettare e realizzare il sistema di stoccaggio automatico più rispondente alle esigenze della tua attività.

Se sei interessato al servizio di automazione dei magazzini di LCS Group, o desideri avere maggiori informazioni in merito, contattaci senza impegno e ti forniremo ulteriori dettagli.

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google

Lascia un commento

dieci + 9 =