Global Summit – Intervista a Roberto Natali, Senior Sales Engineer di LCS SpA

  • Buongiorno Roberto, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GLSummit23. Se avete già preso parte ad altre edizioni del Global Summit, cosa avete apprezzato delle precedenti partecipazioni?

Buongiorno e grazie a voi per questa intervista! Da diversi anni ormai LCS è presente alle edizioni del Global Summit di marzo e di novembre. Abbiamo sempre apprezzato il fatto di poter incontrare aziende diverse tra un’edizione e l’altra, oltre all’organizzazione puntuale e l’agenda di incontri che viene concordata tra noi e l’end user.

  • Trasformazione digitale: quanto influisce la pianificazione e l’esecuzione di un processo di trasformazione e di automatizzazione della logistica e della supply chain sulla competitività delle aziende, in funzione degli investimenti che essa comporta?

La pandemia ha sicuramente incentivato in modo importante la trasformazione digitale portando molte aziende ad orientarsi verso iniziative tecnologiche. A volte queste iniziative richiedono cambiamenti significativi dei propri processi interni associati ad un cambio culturale che deve essere rapido in quanto gli obiettivi aziendali sono in continua evoluzione. Diventa quindi difficile restare competitivi senza opportuni strumenti informatici che traguardano l’intera catena della logistica e che permettano di essere snelli e rapidi come il mercato richiede. 

  • Pandemia, guerra in Ucraina (e purtroppo non solo quella), crisi energetica e alimentare in questi ultimi anni stanno dando un giro di vite all’economia e al business. Cosa sta comportando tutto questo sul settore della logistica e della supply chain?

Da un paio di anni comporta soprattutto una difficile reperibilità dei componenti soprattutto elettronici, oltre ad un incremento importante del costo della materia prima. Tutto questo si traduce nei tempi di realizzazione degli impianti, che rispetto al passato si sono notevolmente dilatati.  

  • Ciò che i mercati sempre più chiedono è flessibilità, duttilità, capacità di adattare in tempi rapidi i propri prodotti e servizi a richieste ed esigenze nuove e inaspettate. Come aiutate i vostri clienti ad affrontare questa sfida in modo economicamente sostenibile?

Nei nostri progetti abbiamo sempre un occhio di riguardo per quelli che potrebbero essere ad esempio eventuali ampliamenti futuri, utilizzando strategie e tecnologie che ne consentano nuove implementazioni o eventuali re-layout in un secondo momento.

  • Si è parlato a lungo di resilienza e della necessità per le aziende di adottare ogni possibile strategia e buona pratica in quella direzione. Oggi si sente più spesso parlare del principio di antifragilità, ovvero dell’attitudine al costante miglioramento in funzione dei fattori di stress, volatilità, disordine che sollecitano persone e aziende. Qual è la ricetta antifragile che proponete ai vostri clienti?

La ricetta che proponiamo ha un ingrediente specifico: il service LCS. Grazie ad una manutenzione attenta e puntuale e la disponibilità della ricambistica dei componenti chiave in loco, proponiamo ai nostri clienti una soluzione antifragilità.

  • Il successo dei grandi gruppi multinazionali ci insegna soprattutto una cosa: non c’è più spazio per le piccole realtà locali, a meno che queste non si specializzino, non puntino all’eccellenza e non sappiano fare rete e collaborare con altre realtà. Come può la vostra azienda aiutare le PMI a compiere questo balzo e a rimanere (o diventare) competitive?

Come System Integrator non possiamo fare a meno di fare rete e collaborare con altre realtà. LCS, oltre ad avere una rete di fornitori di fiducia, è parte integrante di una partnership di portata internazionale composta da aziende che collaborano tra loro per la realizzazione di impianti. 

  • In cosa ritenete che la vostra azienda si distingua davvero dalle altre e perché un visitatore del #GLSummit23 dovrebbe assolutamente sedersi al vostro tavolo per conoscervi meglio e lavorare con voi?

LCS si presenta sul mercato come System Integrator e come dice la parola stessa integra tecnologie. Come azienda siamo quindi sempre attenti a cogliere ed integrare nei nostri progetti tecnologie di ultima generazione che portino valore aggiunto. Il resto lo fanno i nostri software PLC, WCS e WMS che gestiscono gli impianti.   

Grazie per averci concesso questa intervista.

Ci vediamo il 22 e 23 Marzo a Pacengo di Lazise (VR).
Trovate maggiori informazioni in questa pagina

Condividi su Facebook Condividi su Twitter Condividi su Google

Lascia un commento

18 + 20 =