Intervista a Roberto Natali, Senior Sales Engineer di LCS SpA

Buongiorno Roberto, grazie per questa intervista e per la partecipazione a #GLSummit21. 

Buongiorno a voi e grazie per l’opportunità.

  • Se avete già preso parte ad altre edizioni del Global Summit, cosa avete apprezzato delle altre partecipazioni?

Partecipiamo ormai da anni al Global Summit, sia al GS Logistics & Supply Chain che al GS Logistics & Manufacturing e continueremo a prendervi parte perché li consideriamo eventi ben strutturati e organizzati. Inoltre, riconosciamo in questi una grande opportunità ad alto valore aggiunto, avendo sempre notato la qualità dei visitatori con cui ci interfacciamo. Infine, il riscontro avuto dopo ogni incontro è sicuramente un’ulteriore punto di forza.

  • In cosa ritenete che la vostra azienda si distingua davvero dalle altre e perché un visitatore del #GLSummit22 dovrebbe assolutamente sedersi al vostro tavolo per conoscervi meglio e lavorare con voi?

LCS opera come System Integrator e quindi è in grado di proporre e realizzare sistemi in base all’effettiva necessità del cliente, senza aver vincoli di produzione interna.  Abbiamo più di 30 anni di esperienza alle spalle e siamo in grado di proporre un portfolio di soluzioni a 360° nel mondo dell’intralogistica.

Soluzioni che spaziano dai magazzini tradizionali, gestiti con radio frequenza o sistemi vocali, a impianti totalmente automatizzati, con trasloelevatori/sistemi shuttle. O ancora i sistemi di movimentazione continua, con i classici conveyor oppure sistemi di movimentazione discontinua, come i sistemi a navigazione autonoma.

Ciò che ci distingue è la proprietà del “cuore” dell’impianto. Infatti, tutti i livelli di software sono di proprietà LCS che li sviluppa e li manutiene.   

  • Il tema della sostenibilità è sempre più al centro del dibattito e le aziende più impegnate in questo ambito iniziano a veder premiati i propri sforzi anche in ambito B2B. Può la logistica andare davvero in questa direzione?

Nell’ambito logistico, la sostenibilità è tradotta principalmente come minor consumo energetico e quindi è di fondamentale importanza migliorare l’efficienza energetica. Per semplificare: minore consumo a fronte di uno stesso lavoro dell’impianto.

Questo minor consumo lo si ottiene utilizzando motori ad alta efficienza, in molti impianti LCS utilizza motori 24V invece che 400V, oppure utilizzando tecnologie mirate alla rigenerazione energetica, come ad esempio i motori dei trasloelevatori.

Serve inoltre minimizzare i movimenti inutili e questo è reso possibile grazie al nostro software, che controlla e gestisce l’accensione e lo spegnimento delle motorizzazioni dell’impianto in modo ottimale.

Da non sottovalutare la manutenzione dell’impianto, che deve essere fatta regolarmente affinché gli organi in lavoro operino in modo ottimale.

  • Il successo dei grandi gruppi multinazionali ci insegna soprattutto una cosa: non c’è più spazio per le piccole realtà locali, a meno che queste non si specializzino, non puntino all’eccellenza e non sappiano fare rete e collaborare con altre realtà. Come può la vostra azienda aiutare le PMI a compiere questo balzo e a rimanere (o diventare) competitive?

La mission di LCS è integrare l’eccellenza. Non siamo solo fornitori, noi ci proponiamo come partner dei nostri clienti e lavoriamo insieme a loro per ottenere in ogni progetto la soluzione più innovativa, affidabile, ma soprattutto adatta alle specifiche esigenze.

Nei nostri progetti spesso e volentieri integriamo delle PMI locali, che si contraddistinguono a loro volta per il loro elevato valore tecnologico. Durante la prima fase della pandemia soprattutto, molti dei nostri clienti che rientrano nella categoria delle PMI, si sono resi veramente conto di quanto fosse stato importante per la loro operatività intralogistica, aver investito precedentemente nell’automazione.

Grazie per averci concesso questa intervista, ci vediamo il 23 e 24 Marzo a Pacengo di Lazise (VR). Trovate maggiori informazioni in questa pagina

Share on Facebook Share on Twitter Share on Google

Lascia un commento

uno × uno =